Djaló svela tutto: il retroscena sulla Juve e Allegri

Conclusa la presentazione ufficiale di Tiago Djaló, ultimo acquisto della Juve di gennaio. Svelato il retroscena della scelta e su Allegri

Operazione di mercato perfettamente riuscita quella della Juventus che ha beffato l’Inter ed ha concluso la trattativa con il Lille per l’acquisto di Tiago Djaló. Il classe 2000 è stato parecchie volte accostato ai nerazzurri, soprattutto per via del suo contratto in scadenza con il club francese, per il prossimo giugno. Sappiamo quanto Marotta abbia fiuto in queste situazioni e come riesca spesso a battere la concorrenza sui parametri zero.

Sembrava che anche con il portoghese si sarebbe presa la stessa via, ma c’è stato l’inserimento del club bianconero che ha battuto i suoi acerrimi. Inserimento di mercato da parte di Giuntoli e Manna che hanno voluto fortemente il giocatore, sin da subito pagando un indennizzo di circa otto milioni di euro. Sacrificio economico necessario, non solo per avere sin da subito Djaló, ma soprattutto per battere, almeno fuori dal campo, i rivali per la lotta scudetto.

Calciomercato: retroscena di Djaló sulla Juve e Allegri

L’ex promessa del Milan, tornato in Serie A, si è presentato ufficialmente nella lunga intervista rilasciata a Dazn.

retroscena di mercato: djalo-Juve
Tiago Djalo Ansa Spazioj 270124

Su Massimiliano Allegri

Ha molta esperienza, io in Francia giocavo in maniera un po’ diversa”. Ha detto Djaló durante l’intervista elogiando il suo nuovo allenatore.

“Devo imparare con lui, ho molte persone che mi stanno aiutando, così sarà più facileMi ha detto che bisogna giocare con fiducia, mi conosce”.

Sulla scelta di andare alla Juve

Ho sentito che la Juve voleva comprarmi e aveva una strategia che è importante per me. Inter? Sono due squadre di qualità ma sentivo che la Juve era il meglio per me”. Ha spiegato l’ex difensore del Lille, durante l’intervista, chiarendo la sua posizione ed il motivo per cui ha preferito la Vecchia Signora.

“Nella vita bisogna prendere le decisioni e ho fatto la mia, sono contento”. Ha poi aggiunto il classe 2000.

Sullo Scudetto

Se ne parla nello spogliatoio? Penso che nessuno ha parlato di scudetto, l’importante è lavorare bene e pensare di vincere la prossima partita, questo è importante. Se iniziamo a pensare allo scudetto penso che non sia buono”.

Ha poi detto il nuovo acquisto bianconero circa la possibilità del tricolore, dribblando il quesito. Dunque primo incontro vinto dalla Juventus contro l’Inter, almeno sul mercato.

Un colpo che garantirà a Massimiliano Allegri, maggior scelta dal punto di vista difensivo e dunque potrà contare su più scelta e qualità nella rosa.

Impostazioni privacy