Bufera in casa Juventus: rischia una lunga squalifica, tifosi increduli

Secondo quanto riportato da Repubblica, un giocatore bianconero può essere squalificato fino a tre anni. Capiamo perché

La Juventus continua a essere assalita da problemi extra calcistici, dopo l’inchiesta Prisma sulle plusvalenze e il caso stipendi che ha coinvolto giocatori come Cristiano Ronaldo, un’altra vicenda rischia di scuotere lo spogliatoio bianconero.

Come se non bastasse il caos legato a Paul Pogba e al doping, la Juve scopre un nuovo problema: secondo quanto riportato dal quotidiano La Repubblica, uno dei tesserati più importanti della squadra bianconera rischia una pesante squalifica.

Parliamo di Niccolò Fagioli, centrocampista 23enne diventato ormai uno dei punti fermi della squadra di Massimiliano Allegri e che è attualmente indagato dalla Procura di Torino per scommesse online su piattaforme illegali.

La Federcalcio apre un fascicolo su Fagioli

Il nazionale italiano viene tenuto in osservazione anche dalla Federcalcio, la quale ha aperto un fascicolo sulla presunta attività illecita di Fagioli.

Nuova inchiesta in casa Juve: le novità
Terremoto in casa Juve: le ultime (ANSA)- spazioj.it

Se le indagini dovessero portare a un’effettiva colpevolezza, il centrocampista bianconero potrebbe restare fermo per un massimo di tre anni. Questa decisione rappresenterebbe un fendente al cuore per la squadra di Massimiliano Allegri.

Già sprovvista di Paul Pogba, il reparto vedrebbe la coperta ancora più corta con la perdita di un altro centrocampista. Al momento, gli uomini su cui può fare affidamento il tecnico toscano sono Adrien Rabiot, Manuel Locatelli, Fabio Miretti e Weston McKennie.

Pronti a subentrare i giovani del vivaio Nicolussi Caviglia e Yildiz, ma la sensazione è che le assenze di Fagioli e Pogba possono incidere tanto nel corso della lunga stagione bianconera. Le azioni del centrocampista italiano rischiano in questo modo di danneggiare la Juve non solo dal punto di vista comunicativo, ma anche da quello sportivo.

Come possono tutelarsi i bianconeri? Magari facendo tornare dal prestito giocatori che in questo campionato stanno facendo molto bene come Matias Soulé e Barrenechea, entrambi in forza al Frosinone di Eusebio Di Francesco.

Sono molti in realtà i profili in prestito su cui la Juve potrebbe fare affidamento per sopperire a una lacuna in mezzo al campo come quella lasciata dal centrocampista italiano, ma al momento non è una priorità del club pensare al prossimo mercato.

Nelle prossime ore la società  juventina studierà un piano per sopperire a un’eventuale assenza di Fagioli dal campo da gioco, ma per il momento aspetterà l’esito delle indagini congiunte di Procura di Torino e Federcalcio.

 

Impostazioni privacy