Sei qui: Home » News » Torino-Juventus Primavera, succede di tutto nel Derby: il commento di Montero

Torino-Juventus Primavera, succede di tutto nel Derby: il commento di Montero

La Juventus Primavera di Montero ribalta il derby con il Torino tenutosi oggi a Vercelli. I granata dominano il primo tempo, ma grazie a Yildiz in particolar modo la situazione si è capovolta nei seguenti 45′. Da 3-1 a 4-3 per la squadra torinese che adesso si trova in prima posizione dopo le prime 6 giornate di campionato.

Marcatori: (Caccamo 9′, Jurgens 21′, aut. Nguessan 29′, Jurgens 30′, Yildiz 68′, Huijsen 77′, Yildiz 80′)

Sul match: «È stata una partita sia positiva sia negativa. Sapevamo come il Torino poteva farci male, ma i 3 gol glieli abbiamo regalati. Sapevamo come avrebbero giocato, però in tutti i sensi noi nel primo tempo abbiamo girato la palla in modo lento, mentre nel secondo loro si sono aggiustati. Quando arrivi dalla Nazionale, siccome ne abbiamo tanti, al rientro fai fatica, con la testa. Nel secondo tempo poi vieni fuori. Qualità ne avevamo, anche se non siamo contenti del primo tempo. Abbiamo avuto le nostre palle gol, mentre nel secondo tempo siamo stati concreti. I 3 punti sono meritati».

Juve più giovane del Toro: «L’età non conta, l’importante è se metti grinta e cattiveria. Così, a 16 anni, puoi giocare anche contro chi ne ha 20. Il progetto della Juve lo sta dimostrando con la Next Gen e con la Primavera. Contro il Benfica, che è la miglior squadra d’Europa, abbiamo schierato 5 2005. Questo è il progetto della Juve, noi lo rispettiamo: loro si rendono conto che chi sta bene gioca, indipendentemente dall’età. Siamo molto contenti con i giovani che sono saliti dall’Under 17 che stanno facendo benissimo e speriamo che si meriteranno una chance anche quei giocatori che stanno giocando poco, come Anghelé che si sta allenando benissimo».

Montero

Sui cambi: «Quando ci siamo tutti, chi gioca e chi non gioca è importante, per quello abbiamo 17 Nazionali. Per fortuna oggi i cambi sono andati bene. Tante volte sui cambi è fortuna. Nel primo tempo non vincevamo tanti duelli, loro sì, lì si sono create ripartenze e transizioni. Nel secondo tempo non lo abbiamo permesso».

Sfida al Maccabi: «Bisogna vincere. In queste due partite hanno vinto col Benfica in Portogallo e noi dobbiamo fare 6 punti altrimenti rischiamo di rimanere fuori. È uno dei primi obiettivi che mi hanno detto i dirigenti».