Sei qui: Home » News » Buffon si racconta: “Champions? Non mi serve!”, poi la rivelazione su Maignan alla Juve

Buffon si racconta: “Champions? Non mi serve!”, poi la rivelazione su Maignan alla Juve

Presente al Festival dello sport di Trento, Gianluigi Buffon, leggenda bianconera e attuale portiere del Parma, si è raccontato in una lunga e interessante intervista. Oltre agli immancabili aneddoti dal passato, anche una rivelazione riguardo ad un consiglio di mercato non andato a buon fine.

Ecco le parole di Buffon:

Per quanto mi riguarda io continuo a giocare per tante ragioni. Perché mi sento ancora forte e competitivo e perché sono nell’età dell’oro dello sportivo. Mi spiego: ho una età tale in cui posso anche decidere di smettere quando voglio. Sono padrone del mio tempo. Le mie scelte hanno sempre avuto un senso. Come essere tornato a Parma, perché sono un uomo felice nel vedere il tifoso quanto è orgoglioso vedermi di nuovo in porta con i gialloblù. Nella vita ho vinto tanto ma ho anche rinunciato ad altri titoli. Sono felicissimo di essermi battuto per vincerli ma personalmente per me i successi li ho ottenuti anche con l’affetto della gente. E per sapere quanto valgo non mi servono ad esempio 8 Champions League. Anche senza vincerle io so quanto sono forte”.

Le critiche? Sono una benzina, soprattutto in vecchiaia. Da ragazzo invece fanno male e rischiano di destabilizzarti. Quando sei maturo e sai quanto vali invece le critiche diventano un incentivo. A volte ne avevo provo bisogno. Ad esempio: quando giocavo bene non leggevo i giornali, perché magari mi portavano fuori equilibrio. Quando andava male mi piaceva invece la critica, sapere da chi arrivava anche per, tra virgolette ovviamente, odiarlo“.

Buffon
Buffon Juve Intervista

“La parata perfetta? Chi guarda in maniera disattenta o da profano non riesce a percepire l’importanza di parate o uscite che sembrano scontate. A volte ripenso ai miei compagni grazie a cui ho battuto il record di imbattibilità contro il Torino. In una squadra un portiere con un richiamo, un atteggiamento, una parola, può aiutare il gruppo. Hanno una importanza fondamentale che magari non tutti possono capire“.

Potevo essere maggiormente diplomatico nella vita? No, magari in giovane età ho commesso errori. Anche se alla fine mi sono serviti. Mi sono sempre assunto le responsabilità, pagandole personalmente. E lasciano i segni perché fanno male. Alcune cose non le rifarei, ma dai 30 anni in su tutto ciò che ho fatto e detto lo rifarei. In quei momenti mi sentivo di fare così. Magari ora potrei reagire in maniera diversa“.

Chiellini? Mi manca, abbiamo condiviso tanta parte di vita. Lui come altri. È la cosa bella dello sport di squadra, la condivisione. Con il blocco storico della Juve siamo cresciuti insieme in tutto: mentalità, capacità”.

Maignan? Quando tornai da Parigi alla Juve mi chiesero dei portieri. Dissi di Maignan del Lille, che però nessuno considerava. Mi chiedevo perché. Quando il Milan lo prese mandai un messaggio a Maldini, dicendo che in pochi credevano in lui ma che avevano preso un top”