Allegri: “Non bisogna diventare presuntuosi altrimenti può succedere con chiunque. Rugani? La sua è stata una partita straordinaria!”

Massimiliano Allegri ha parlato ai microfoni di Dazn al termine della sfida tra Milan e Juventus che si è conclusa a reti inviolate. Le sue parole:

Un pezzo alla volta miglioriamo, con calma. Stasera una bella partita, venivamo da tante partite di fila, stasera era importante chiudere gennaio al meglio e rimanere lì. In caso di sconfitta sarebbe stato molto peggio perché avremo lasciato 10 punti. Dobbiamo essere più lucidi negli ultimi 25/30 metri ma una partita equilibrata, giusto il pari. Noi abbiamo fatto meglio il secondo tempo ma abbiamo incontrato un buon Milan e mantenere questa distanza è importante. I ragazzi stanno giocando più da squadra e sono contento, cercavamo di vincere ma non ci siamo riusciti”.

“Ho ereditato una squadra con un Ronaldo in meno, i giocatori non sono cambiati ma anzi cresciuti in autostima. Come diceva Ambrosini su 12 partite in 8 non abbiamo subito gol, abbiamo fatto 4 gol a Roma e 4 in Coppa Italia, forse è meglio che rimetta Landucci in panchina (ride ndr). Migliorerà la condizione di Dybala, Morata farà più gol e Kean sarà più in forma. Abbiamo un obiettivo importante che è quello di arrivare nelle prime quattro. Abbiamo recuperato tanti punti ma in questo momento visto come eravamo partiti sono contento. Vediamo a febbraio cosa combineremo”.

Stasera poteva succedere di tutto, da qui alla fine possiamo giocarci tre bonus negli scontri diretti. Ora abbiamo il Milan a 7 punti. A febbraio abbiamo tre squadre che giocano allo stesso modo che sono Verona, Atalanta e Torino, speriamo di imbroccare subito la prima”.

Rugani è un bravissimo giocatore. I giocatori o sono bravi o sono scarsi. Ho trovato un giocatore con più personalità, quando ha fiducia rende al meglio. Stasera ha fatto una partita straordinaria, degli interventi nel primo tempo da difensore vero, ha avuto delle letture importanti e sono contento per lui. Altrimenti quattro anni fa lo volevo titolare alla Juventus ora non è un brocco. Dybala ha avuto un problema di gastroenterite meno intenso di De Ligt ma comunque ha fatto una buona partita, è chiaro che in campi così i giocatori tecnici sono penalizzati”.

“Noi sbagliamo troppo negli ultimi 20 metri. Faccio un grande in bocca al lupo a Chiesa che è un giocatore che strappa e ci manca. Abbiamo Bernardeschi, Kulusevski, ora anche Akè che è rapido e salta l’avversario”. ha concluso Massimiliano Allegri.