Sei qui: Home » News » L’opinionista punge: “Scudetto? Allegri deve fare un miracolo”

L’opinionista punge: “Scudetto? Allegri deve fare un miracolo”

A pochi giorni da Napoli-Juventus, un ex bianconero ed ora opinionista sportivo, ha voluto dire la sua sulla squadra di Allegri. Ecco un estratto dell’intervista di Massimo Mauro a Tuttosport.

Sullo scudetto: “O Spalletti e Allegri fanno miracoli, o sarà difficile competere con Inter e Milan. Da parte della Juve c’è l’abitudine al successo sviluppata negli ultimi dieci anni“.

Su Spalletti o Allegri: “Quello di Allegri. Perché ha già vinto ed è in un ambiente dove se arrivi secondo hai fatto male, dunque ha più pressione. Il Napoli se arriva secondo ha fatto un grande campionato e se va in Champions ha fatto meglio della scorsa stagione“.

Sulla Juventus: “La Juve per motivi diversi è stata preoccupante a Udine e contro l’Empoli e Allegri dovrà trovare delle contromisure. Ero allo Stadium e la squadra sembrava a fine stagione, stanca: da vedere se dipende dalle scorie dell’Europeo. Poi Dybala, Chiesa e Cuadrado provavano a risolverla da soli. Una Juve troppo brutta per essere vera, ma forse è il caso di capire prima di tutto come proteggere il portiere e poi si vede“.

LEGGI ANCHE:  Cristiano Ronaldo Juventus, il giornalista rivela: "Ritorno possibile ad una condizione"

Sul Napoli favorito: “Sì, sicuramente. La coppia Osimhen-Insigne mi piace, così come la compattezza del centrocampo che sa difendere e impostare. La Juve dipenderà da cosa si inventa Allegri. L’assenza di Chiesa sarebbe pesante, è il giocatore più importante. Però deve pensare di più, rallentare e giocare anche senza palla: se ci riuscirà diventerà irresistibile, una delle ali più forti al mondo“.

Su Dybala: “Il tira e molla sul contratto durante il campionato non è un granché: questa domanda diventerà uno stillicidio e a ogni errore se ne parlerà. Non inciderà di certo sul suo impegno in campo ma sarà difficile gestirla fuori. Quanto al campo Dybala è un giocatore straordinario, bellissimo, ma non ha mai convinto un allenatore a ritenerlo indispensabile”.