Tragedia di Piazza San Carlo: chiesti un anno e otto mesi per Chiara Appendino

Tragedia di Piazza San Carlo: chiesti un anno e otto mesi per Chiara Appendino

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Nell’aula magna del palazzo di giustizia della Città di Torino si è svolto il processo, con rito abbreviato, per la tragedia di Piazza San Carlo, risalente al 3 giugno 2017.

Durante la proiezione della finale di Champions tra Juventus e Real Madrid, il panico che si scatenò tra la folla provocò più di 1500 feriti e, in seguito, la morte di due donne.

Secondo quanto riportato dalla Gazzetta dello Sport, le accuse avanzate dal pubblico ministero, Vincenzo Pacileo, sono quelle di disastro, lesioni e omicidio colposo. Accuse che hanno portato alle seguenti richieste:

Un anno e otto mesi per Chiara Appendino;

Tre anni e sei mesi per Enrico Bertoletti, che si occupò di un progetto per conto degli organizzatori della serata;

Un anno e sette mesi per Maurizio Montagnese, responsabile dell’agenzia turismo Torino;

Un anno e otto mesi per Angelo Sanna, quest’ore all’epoca;

Due anni per Paolo Giordana, ex capo di gabinetto del comune di Torino.

Simone Nasso

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy