Grassani, avvocato Napoli: “Le partite si devono giocare sul campo, siamo ottimisti”

Grassani, avvocato Napoli: “Le partite si devono giocare sul campo, siamo ottimisti”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Come riportato dai colleghi di Radio Kiss Kiss, l’avvocato del Napoli Mattia Grassani ha rilasciato alcune dichiarazioni al termine del dibattimento del ricorso presentato dalla società di De Laurentiis riguardo la sconfitta a tavolino imposta al Napoli contro la Juventus, oltre al punto di penalizzazione in classifica. Ecco quanto evidenziato dalla nostra redazione:

Un dibattimento di durata monstre, extra large, a mia memoria sull’omologazione del risultati di una gara, mai si era dedicato tanto tempo. Il dibattimento è stato soddisfacente, abbiamo messo in campo anima e cuore per spiegare che le partite si devono giocare sul campo. Nessun altro precedente si è concluso con lo 0-3 a tavolino ed il punto di penalizzazione, questo concetto ribadito in più modi con le centralità delle ASL con tante altre società di situazioni analoghe, questo è stato il tema dominante”.

Il dibattimento è stato molto impegnativo, i temi erano tanti e soprattutto quello che uscirà dalla sentenza è anche la credibilità del sistema sportivo, con l’incremento esponenziale di positività, pensare di sanzionare il mancato viaggio a Torino impedito da ASL Napoli 1 e 2 ribadito il giorno della gara, rappresenterebbe un’offesa per tutti gli sportivi ed un attentato alla credibilità dello Sport. Diversamente si comprometterebbe la validità dell’intero campionato. Siamo fiduciosi del fatto che la corte abbia compreso, altrimenti il Napoli sarebbe l’unica società a subire un’iniqua decisione”.

Decisione? Contrariamente alla prassi, che è quella di pubblicare la sera stessa il dispositivo, hanno preferito una decisione che sia completa delle motivazioni, in questo modo la decisione sarà comprensibile da tutti i soggetti del mondo sportivo. Almeno qualche giorno sarà necessario per conoscere l’esito di questo appello”.

Altri interventi delle ASL? Anche questo ha pesato. Ogni giorno passato dal 4 di ottobre, il caso Juve-Napoli che abbiamo definito pilota, è finito su un binario morto. Questo caso ha espresso casistiche come quella dell’Under 21 in Islanda, o le ASL che hanno bloccato atleti, sono situazioni nelle quali è emersa la centralità dell’unica entità che deve occuparsi della salute pubblica, che non è la FIGC, il protocollo, anche l’esempio di ieri ha dimostrato che non ci si può che attenere a quello che le ASL dicono e solo nel caso di Juve-Napoli questo non è accaduto, con un’inaccettabile sanzioni. L’appello, secondo noi, ha buona ragione di concludersi positivamente per il Napoli, anche per ristabilire la regolarità”.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy