Agnelli: "Il calcio perderà 4 miliardi di euro nei prossimi 2 anni. Il 90% riguarderà i club."

Agnelli: “Il calcio perderà 4 miliardi di euro nei prossimi 2 anni. Il 90% riguarderà i club.”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il Presidente della Juventus Andrea Agnelli ha parlato all’assemblea generale dell’ECA dei problemi del calcio dovuti al Coronavirus. Agnelli prospetta una grave perdita di ricavi dovuta principalmente alle squadre di club: “Le stime parlano di un crollo dei ricavi pari a 4 miliardi nei prossimi due anni. E, secondo la Fifa, il 90% di questa perdita sarà relativa ai soli club. In sostanza, circoleranno meno soldi. Ci sarà una drammatica erosione dell’Ebitda (il margine operativo lordo di un’azienda, ndr) che si rivelerà o potenzialmente si potrebbe rivelare una crisi di cassa per la maggior parte dei club“.

Sempre sulla crisi continua: “Questa pandemia e questa crisi ci hanno dimostrato le problematiche a livello economico, per questo stiamo analizzando alcune tematiche macroeconomiche per aiutare i club che hanno avuto perdite importanti. Sarà una sfida difficile, dovremo cambiare il modo in cui operiamo. Ci soffermeremo sulle infrastrutture, i salari dei calciatori e sui settori giovanili.”

E sugli stadi vuoti aggiunge: “Se c’è una cosa che connette tutti i club sono gli stadi e gli incassi degli stadi che sono stati completamente cancellati dalla pandemia. Sarà difficile per tutti noi perché ci sarà una crisi economica per molti dei club e noi dobbiamo essere molto attenti nel modo in cui maneggiamo questa stagione e la prossima. I grandi club probabilmente soffriranno danni più grandi di alcune intere federazioni in giro per il mondo.”

A riferirlo è Eurosport.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy