Spadafora: “Se non ci sarà sicurezza saremo costretti a fermarci. Ripartenza? Strada sempre più stretta”

spadafora
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

“Del domani non v’è certezza”. Potrebbe riassumersi così, con un celebre verso di Lorenzo de’ Medici, la situazione attuale del calcio italiano. A parlarne, ai microfoni di Omnibus su LA7, il Ministro per le Politiche Giovanili e lo Sport Vincenzo Spadafora.

Spadafora: “Lotito? Spero che nelle sue parole cisia un pizzico di ironia, non potevamo riapriresubito a tutti”

Il Ministro, si è detto pessimista riguardo ad un ritorno in campo in tempi brevi: “Vedo un sentiero sempre più stretto. L’unica alternativa all’incertezza che oggi c’è sarebbe quella di seguire la strada già intrapresa da altri Paesi. Se fossi nei presidenti, penserei a organizzarmi per riprendere in sicurezza il nuovo campionato che dovrà partire a fine agosto. Consiglierei un piano B. Oggi e domani ci saranno audizioni tra FIGC e il Comitato Tecnico Scientifico sul protocollo medico da seguire.

Lo stesso Spadafora ha poi detto la sua sulle critiche ricevute in questi giorni: “Da Ministro sarei un pazzo a demonizzare il calcio e la Serie A. Portano denaro a tutto il sistema sportivo ma se non ci sarà sicurezza saremo costretti a fermarci. E’ assurdo che ci siano tre o quattro presidenti che non capiscono questa cosa. Tra l’altro non sappiamo nemmeno se ci siano tamponi a sufficienza. Entro pochi giorni comunicheremo se il protocollo per gli allenamenti sia attuabile e poi decideremo sull’eventuale ripresa”.

Sulla decisione della Francia ha poi aggiunto: “Ha deciso di fermarsi e non è stato l’unico Paese a farlo. Si tratta di una scelta importante che potremmo anche seguire, se dovesse diventare una linea europea”.