ESCLUSIVA SJ - Gravina: "La cosa giusta è riprendere a giocare per assegnare lo Scudetto, gli italiani hanno bisogno di ottimismo"

ESCLUSIVA SJ – Gravina: “La cosa giusta è riprendere a giocare per assegnare lo Scudetto, gli italiani hanno bisogno di ottimismo”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Sono ore, giorni importanti per decidere e valutare quale sarà il futuro della Serie A. Il nostro Michele De Blasis ha raggiunto telefonicamente il maggior esponente della FIGC, Gabriele Gravina, per una rapida intervista. Queste sono le sue parole in esclusiva per SpazioJ:

Questa sera ci sarà un incontro importante con l’AIC, saranno tagliati gli stipendi di tutte le società?

Non so se è la giornata giusta per questa opzione, ma sarà una delle quali in cui stiamo lavorando intensamente per trovare le migliori soluzioni possibili.

Lei ha sempre detto che si può aspettare anche oltre il 30 giugno per riprendere il campionato, ma c’è una data limite entro la quale si deve decidere?

Non c’è ancora, non c’è una data limite per iniziare e per finire. Però c’è davvero molta speranza e volontà di portare a termine tutti i campionati.

Tommasi ieri ha detto che non dovrebbe esser assegnato lo Scudetto nel caso non si concludesse la stagione, lei cosa ne pensa?

La cosa giusta è riprendere a giocare, assegnare lo Scudetto e finire ogni tipo di campionato. In questo momento gli italiani hanno bisogno anche di ottimismo per svagarsi un po’.

Nel caso non si riprendesse a giocare, Roberto Mancini avrebbe più tempo per preparare al meglio Euro2021…

E’ prematuro e complicato fare questo discorso ora. Dobbiamo dare priorità alle competizioni nazionali, poi ci sono le coppe europee e l’ultimo passaggio riguarderà il momento di pensare alle nazionali.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy