Napoli, taglio stipendi: dopo la Juve, pronto anche De Laurentiis

Napoli, taglio stipendi: dopo la Juve, pronto anche De Laurentiis

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La prima squadra italiana ad aver appoggiato il taglio degli stipendi dei propri giocatori (dei mesi da marzo a giugno) è stata la Juventus. Adesso, probabilmente, i bianconeri verranno seguiti a ruota anche da altri club italiani, compreso il Napoli di Aurelio De Laurentiis. Il patron azzurro è pronto a trattenere gli stipendi (sempre degli stessi quattro mesi) dei suoi giocatori. Di seguito, un estratto del brano tratto dal Corriere del Mezzogiorno:

La prossima settimana il calcio italiano accelererà le discussioni interne per capire il proprio futuro, uno dei temi di maggiore attualità è la revisione degli stipendi dei calciatori. La Juventus ha battuto tutti sul tempo, ha comunicato l’accordo raggiunto con allenatore e calciatori che prevede la riduzione degli stipendi per i mesi di marzo, aprile, maggio e giugno con un effetto positivo di 90 milioni di euro riguardo al bilancio“.

De Laurentiis da tempo considera l’intervento sul monte ingaggi una mossa fondamentale in questa fase, come dimostrano anche le dichiarazioni pubbliche dell’avvocato Grassani. Il patron attende di capire cosa accade altrove per muoversi concretamente, venerdì in conference call s’aggiornerà in assemblea di Lega anche sulla risposta dell’Aic“.

I calciatori del Napoli non hanno avuto ancora alcuna comunicazione dalla società, attendono il corso degli eventi in linea con la posizione di Tommasi che, prima di valutare la revisione degli stipendi, vorrebbe maggiori certezze in merito alla possibilità di terminare o meno la stagione“.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy