La Juventus raggiunge l'accordo con tutti i giocatori per la riduzione dello stipendio

La Juventus raggiunge l’accordo con tutti i giocatori per la riduzione dello stipendio

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Le richieste di Giorgio Chiellini sono state accettate, da tutti. La Juventus attraverso una nota societaria ha comunicato di aver raggiunto l’accordo con i propri giocatori per ridursi lo stipendio per i mesi di marzo, aprile, maggio, giugno 2020 per l’emergenza del coronavirus. Questo risparmio risanerà le casse bianconere per circa 90 milioni di euro. In caso si tornasse a giocare le parti discuteranno di nuovo sul da farsi.

IL COMUNICATO

Juventus Football Club S.p.A. comunica, in ragione dell’emergenza sanitaria globale attualmente in corso che sta impedendo lo svolgimento dell’attività sportiva, di aver raggiunto un’intesa con i calciatori e l’allenatore della Prima Squadra in merito ai loro compensi per la restante parte della corrente stagione sportiva. 

L’intesa prevede la riduzione dei compensi per un importo pari alle mensilità di marzo, aprile, maggio e giugno 2020. Nelle prossime settimane saranno perfezionati gli accordi individuali con i tesserati, come richiesto dalle normative vigenti.

Gli effetti economici e finanziari derivanti dall’intesa raggiunta sono positivi per circa euro 90 milioni sull’esercizio 2019/2020. 

Qualora le competizioni sportive della stagione in corso riprendessero, la Società e i tesserati negozieranno in buona fede eventuali integrazioni dei compensi sulla base della ripresa e dell’effettiva conclusione delle stesse.

Juventus desidera ringraziare i calciatori e l’allenatore per il senso di responsabilità dimostrato in un frangente difficile per tutti. 

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy