Lippi è sicuro: "Coronavirus? Ce la faremo. Non capisco come si possa pensare agli Europei"

Lippi è sicuro: “Coronavirus? Ce la faremo. Non capisco come si possa pensare agli Europei”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Intervistato dal giornale “La Repubblica”, Marcello Lippi, ex allenatore della Juventus e commissario tecnico dell’Italia nel 2006, ha rilasciato le seguenti dichiarazioni sull’emergenza coronavirus:

È stato sacrosanto chiudere qui da noi, così come hanno fatto in Cina. Loro ce l’ hanno fatta e ce la faremo anche noi. Se ci siamo mossi in ritardo? Nei primi momenti il quadro cambiava ogni dieci minuti. Ovviamente siamo stati presi un po’ alla sprovvista. Poi, però, c’è stato tutto il tempo per capire e agire: abbiamo compreso che dovevamo cambiare la nostra vita, che ci piacesse o no“.

Sull’attuale situazione nel mondo del calcio:

Non capisco come si possa pensare di disputare gli Europei a giugno o le Olimpiadi in Asia, in Giappone, tra luglio e agosto. Per fortuna l’Uefa ha finalmente deciso di sospendere le coppe, e credo sarà così anche per gli Europei: al limite, disputiamoli l’anno prossimo… ma non adesso, non a tutti i costi e chissà come, chissà dove. Questo permetterà di tentare di salvare almeno i tornei nazionali, che a parer mio vanno sempre privilegiati. Come portare a termine la Serie A?  Ho letto dei play-off, ma non mi convincono, e neppure l’idea di assegnare lo scudetto adesso, così, in base alla classifica attuale . Se tra un mese o un mese e mezzo la situazione renderà possibile il ritorno in campo, credo che il campionato debba essere ripreso e concluso nel modo tradizionale, altrimenti pazienza. Le altre soluzioni mi sembrano mortificanti“.

Simone Nasso

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy