L’ex allenatore Maifredi: “Sarri? Serve un allenatore a 360 gradi, il calcio non era pronto per i miei input”

Maurizio Sarri
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’ex allenatore della Juventus Gigi Maifredi, ha rilasciato un’intervista Corriere dello Sport che l’ha pubblicata sulla sua edizione odierna.

Ecco le sue parole: “Se avessi voluto sarei andato avanti a fare l’allenatore per altri vent’anni. Sarei ancora di più oggi in mezzo a persone che vivono di schemi, di moduli e di lavoro, dimenticando la fantasia e la personalità del giocatore. Se mi riferisco a Sarri? Perché oggi c’è un allenatore determinante in Italia? Anche Conte è determinante? Tutti sono buoni allenatori, ma per fare i picchi devi essere un allenatore a 360 gradi, devi avere una personalità infinita, i giocatori che hai devono riconoscere in te un carisma eccezionale. E poi i moduli sono importanti a livello difensivo e a centrocampo, ma in attacco non devi imprigionare nessuno. La voglia di giocare, di fare gruppo non c’è più, io ci ho provato, ma a un certo punto ho fatto bene a eliminarmi, anche perché il mondo del calcio non era pronto ad accettare i miei input. “

Continua poi sul’attuale tecnico bianconero: “Sarri ha costruito con il tempo un grande Empoli, poi ha fatto benissimo a Napoli, ma una volta arrivato alla Juve avrei voluto che continuasse quel percorso e determinasse. Invece si è adeguato al calcio di oggi, dentro il quale l’allenatore conta poco”