CdT – Juve schiacciasassi, ma scoppia il caso De Ligt

De Ligt e Alex Sandro
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’edizione odierna del Corriere di Torino celebra la Juventus di Maurizio Sarri, tornata invulnerabile dopo la clamorosa sconfitta in Supercoppa.

Il giornale, però, solleva anche un importante interrogativo: che fine ha fatto Matthijs De Ligt?

Dopo la prima sconfitta contro la Lazio in campionato, infatti, il centrale olandese è sparito dai radar, per lasciar spazio alla solida coppia Bonucci-Demiral. Inevitabile, a questo punto, porsi qualche domanda.

L’ex Ajax, costato 75 milioni di euro (più 10.5 di commissioni a Mino Raiola), non è più un titolare fisso come nella prima parte di campionato, e sembra addirittura essere scivolato al terzo posto nelle gerarchie del tecnico della Vecchia Signora. Nemmeno dopo aver smaltito i problemi patiti alla spalla prima e agli adduttori poi, è riuscito a ritrovare spazio nell’undici bianconero.

Lo stesso Corriere di Torino, però, riporta anche le parole di Sarri, che al termine della partita contro il Cagliari ha comunque esaltato la crescita di De Ligt:

Segnatevi la data che firmo questa dichiarazione: De Ligt in futuro diventerà il più forte difensore del mondo e io sono il più convinto di tutti su questo. Bisogna mettersi nei panni di un ragazzo di 19 anni che nel giro di pochi mesi deve giocare 23 partite, imparare una nuova lingua, un nuovo modo di allenarsi, di giocare e di vivere. Quindi mi immagino il dispendio di energie fisiche e mentali che ha avuto negli ultimi mesi. Ha fatto una buona crescita, poi si è un po’ appannato anche per colpa di qualche acciacco avuto negli ultimi tempi“.

Simone Nasso