Gigi Riva svela alcuni aneddoti sul suo rapporto con la Juventus

gigi riva cagliari juventus spazioj
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Gigi Riva è ormai una vera e propria istituzione del calcio italiano. L’attaccante ha vestito per 13 anni la maglia del Cagliari, dal 1963 al 1976, segnando 164 gol in 315 presenze: i più giovani lo ricorderanno come team manager della Nazionale italiana a Germania 2006.

Non è un mistero che la Juventus abbia cercato costantemente di portarlo a Torino, e al giornale ufficiale del Cagliari, Cuore Rossoblù, Riva ha rivelato alcuni aneddoti curiosi del suo rapporto con il bianconero:

Agnelli voleva portarmi a Torino ma era Boniperti a non mollare mai: mi chiamava ogni anno, faceva dei lunghi giri di parole e poi mi chiedeva di andare alla Juventus. Ho sempre detto cortesemente di no per amore della Sardegna. Qualche volta ho vacillato e ne ho parlato con i miei compagni: una volta Martiradonna (terzino del Cagliari campione d’Italia n.d.r.) mi disse che se rimanevo poteva finire di pagarsi la cucina. Sono convinto di aver preso la scelta giusta. Qualche tempo fa però in aeroporto ho incontrato qualcuno della Juventus che mi invitò a chiamare Boniperti per gli auguri di compleanno: se c’è una persona che stimo nel mondo del calcio è proprio Boniperti. Quando lo chiamai dissi subito “sono Gigi Riva!” e lui ha taciuto per qualche secondo: dopo un po’ disse solo “aspettavo questa telefonata 50 anni fa“.