Il 2020 della Primavera bianconera: ecco i talenti da tenere d’occhio

primavera
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

È stato un anno ricco di emozioni quello della Primavera della Juventus. Prima grazie alla gestione di mister Baldini, poi con quella dell’attuale tecnico Lamberto Zauli. Il primo capace di plasmare i talenti della Primavera, che poi hanno giocato anche in U23 e non solo, il secondo un allenatore che sta dando una nuova vita al settore giovanile pescando dal vivaio bianconero con i talenti del 2002 in rampa di lancio.

Facciamo il punto della situazione: sesto posto in campionato Primavera 1, accesso agli ottavi di Youth League con il primo posto nel girone e infine quarti di finale di Coppa Italia.

I TALENTI DEL SETTORE GIOVANILE

La Juventus vanta da sempre un settore giovanile preparato e all’altezza del campionato in cui compete. Lo sviluppo del settore giovanile è sicuramente rappresentato dalla nascita della Juventus U23, prima squadra B del campionato italiano.

In questo 2019 appena concluso, sono molti i grandi talenti che hanno giocato in Primavera, tra tutti Nicolussi Caviglia, Portanova e Gozzi che hanno esordito anche in Serie A, ma non solo. Le giovani promesse come Fagioli, Moreno e Petrelli sono diventate realtà grazie anche alla Juve U23. Con l’avvento della nuova gestione Zauli, il neo tecnico bianconero ha dovuto pescare da U17 E U16 per rinforzare la Primavera bianconera.

IL 2020 PER LA PRIMAVERA SARA’ L’ANNO DEI CLASSE 2002 – Molti i talenti che stanno crescendo e cresceranno in questa seconda parte del campionato: Sekulov, Dragusin e Da Graca per fare alcuni nomi. Tra tutti però il 2020 sarà l’anno di Franco Tongya che rappresenta sicuramente un gioiello da far crescere con attenzione. Tongya è un centrocampista centrale con il vizio del gol. Capace di diventare un leader silenzioso della Primavera, con un rapido cambio di passo, un piede educato e con l’istinto da killer in area di rigore.

Continua il processo di crescita della Primavera della Juventus, sperando in investimenti maggiori sui giovani talenti e più attenzione ai vivai delle squadre nel 2020.