Capello conferma: "Campionato italiano poco allenante, i difensori ormai devono legarsi le mani"

Capello conferma: “Campionato italiano poco allenante, i difensori ormai devono legarsi le mani”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
capello

Fabio Capello, ex allenatore della Juventus, è intervenuto ai microfoni di Radio Rai, per parlare dell’attuale situazione del campionato italiano, con particolare attenzione ai bianconeri:

SUL CAMPIONATO DI SERIE A

“La Serie A è poco allenante? Quando giochi contro squadre straniere che aumentano la velocità, le squadre italiane vanno in difficoltà. Poi chiamerei in causa gli arbitri, che a ogni minima spintarella con la moviola fischiano fallo. Mi piacerebbe fischiassero meno e usassero un metodo all’inglese”

SUL MANI DI DE LIGT

Ormai in area devono legarsi le mani o mettersi le manette. Una volta si dà rigore, una volta no. Dipende secondo me dalla pericolosità delle palle”

SU MASSIMILIANO ALLEGRI

“Al Bayern Monaco sarebbe facile vincere, ma dopo quello che è successo con Ancelotti non so se un allenatore italiano sia il benvenuto. Forse c’è qualcosa che non funziona nei rapporti italo-tedeschi. L’Inghilterra è affascinante, c’è la possibilità di lavorare ed è un campionato che ti arricchisce”.

INFINE, SUGLI EPISODI DI RAZZISMO

“Abbiamo dato troppa importanza a queste persone, nessuno ha avuto la forza di condannarli. Si sentono forti in gruppo e pecorelle quando non sono in gruppo. Per questo fanno vedere il loro osceno modo di pensare. La reazione di Balotelli è stata eccessiva sotto un certo aspetto ma importante. Sotto questo aspetto si parla poco, ma decisioni serie poche. Basterebbe fare come in Inghilterra, ci sono delle telecamere. Servono decisioni, non solo chiacchiere”.

Simone Nasso

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy