Capello non ci sta: "Conte ha esagerato, anche la sua Inter è un bel grattacielo"

Capello non ci sta: “Conte ha esagerato, anche la sua Inter è un bel grattacielo”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin
capello

Fabio Capello ha rilasciato una lunga intervista per “Il Corriere dello Sport”, nel corso della quale ha affrontato svariati argomenti.

SULLA JUVENTUS

“Prima della serata di San Siro avevamo colto della Juve solo a tratti l’enorme potenziale. Nella sfida contro l’Inter c’è stata una straordinaria dimostrazione di forza e di convinzione nei propri mezzi, tipica dei grandi club. Mi ha colpito in particolare la compattezza della Juve nelle pieghe della partita, dote che distingue i gruppi capaci di realizzare pochi e isolati risultati da quelli che puntano invece a tagliare il traguardo finale”.

SUL PARALLELO CON IL SUO MILAN DEGLI ANNI 90

“Se ci assomiglia? Può darsi, ma c’è un solo rischio. Che possa scivolare in qualche partita, quando il tasso di concentrazione e di determinazione non sarà al massimo. Anche in questo caso però il club possiede degli antidoti naturali”.

SUL “GRATTACIELO DI ANTONIO CONTE”

“Antonio ha esagerato un tantino, come gli capitò già in passato quando parlò di ristorante da 10 e da 100 euro per spiegare gli insuccessi in Champions. A dire il vero, anche la sua Inter non sarà il grattacielo più alto del mondo ma è un gran bel grattacielo, è inutile nascondersi. A mio avviso, come già accaduto con Spalletti nei due campionati precedenti, la differenza rispetto alla Juve è rappresentata dalla qualità complessiva della rosa. Nella sfida di domenica, quando è uscito per infortunio Sensi ed è entrato Vecino, l’Inter ha perso la qualità indispensabile da imporre negli ultimi venti metri”.

Simone Nasso

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy