Juventus, Agnelli ammette: “In curva si entra a proprio rischio e pericolo. Siamo stati ricattati dagli Ultras”

andrea-agnelli-spazioj
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’edizione quotidiana del Corriere della Sera, scrive in merito alle dichiarazioni fatte dal presidente della Juventus, Andrea Agnelli, in occasione del processo Alto Piemonte, queste le sue parole:

CURVA? A PROPRIO RISCHIO E PERICOLO

Non tutti i tifosi della curva saranno delinquenti, ma soprattutto nella zona centrale del settore ci sono molte persone poco raccomandabili. Si entra e si esce a proprio rischio e pericolo: Toia, Grancini e Mocciola hanno potenzialità delinquenziali“.

Siamo stati minacciati ed è capitato di essere costretti a dover aderire, nonostante sapessimo delle possibili conseguenze negative come cori o altre condotte“.