Il City chiede al TAS di bloccare il processo UEFA

Sentenza Manchcester City
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Sentenza Manchester City, la società si rivolge al TAS

Stando a ciò che riporta ‘Ap News’ il Manchester City ha chiesto al TAS di archiviare il caso per cui è sotto indagine dalla UEFA. Il Manchester City, ad oggi, è sotto indagine per non aver rispettato le norme del Fair Play Finanziario per diversi anni, ingannando la UEFA con documenti falsi per avere delle entrate di denaro maggiori rispetto alla realtà.

Sentenza Manchester City, cosa chiede il City

La richiesta del City è chiara: archiviare la posizione della società presso la UEFA, non riconoscendo l’autorità degli investigatori UEFA e soprattutto ritenendo di aver addotto prove a sufficienza per la UEFA.

La posizione della UEFA

L’inchiesta di Footballleaks ha reso noti i documenti che sono stati ritenuti sufficienti dalla UEFA per portare a giudizio il Manchester City. Secondo quanto riportato in giornata dal giornalista Marco Bellinazzo, la sentenza dovrebbe arrivare tra 7 e 10 giorni.

Sentenza Manchester City, potrebbe decidere il futuro di Guardiola?

Inevitabilmente da questo processo si delineerà anche il futuro di Pep Guardiola, le speranze dei tifosi juventini di vederlo sulla panchina di Madama dipendono da questa situazione. Secondo alcune fonti che parlano della trattativa che porterebbe l’allenatore catalano in Italia, infatti, il passaggio di Guardiola alla Juventus dipenderebbe anche dalla sentenza della UEFA, che potrebbe escludere il Manchester City dalla Champions League per i prossimi due anni.