Dybala sul suo futuro: "Sono dove ho sempre voluto essere"

Dybala sul suo futuro: “Sono dove ho sempre voluto essere”


Paulo Dybala ha parlato ai microfoni di Telefoot del suo futuro: “Difficile sapere cosa riserva. Nel calcio di oggi un giorno giochiamo per una squadra, domani non sappiamo con chi giocheremo. In ogni caso, io sto molto bene alla Juventus. Sono dove ho sempre voluto essere”.

La Joya ha toccato anche altri temi, quali:

Obiettivi: “La Champions è il nostro obiettivo principale, faremo di tutto per vincerla pur senza dimenticare le altre competizioni. L’Atletico, con il Liverpool, rappresenta l’avversario più difficile e ne siamo consapevoli nonchè preparati”.

Crescita: “Rispetto al passato sono cambiato tanto, credo di essere più maturo e questo grazie allo stare a contatto con grandi giocatori. L’età media della rosa è abbastanza alta e questo, per giovani come me, è positivo”.

CR7 e Messi: “Sappiamo quanto Cristiano sia importante e quanto ci dia giorno dopo giorno, ho sempre detto che sono sullo stesso livello. Neymar è davvero forte, Mbappé è un giovane, ma per ora Leo e CR7 rimangono i numeri uno. Ho la fortuna di godermi Leo con l’Argentina e Cristiano con la Juve, entrambi hanno un peso enorme nelle rispettive squadre. Dietro a loro vedo solo Neymar, diventerà il migliore della prossima generazione, non smette mai di sorprendermi. Anche Mbappè ha grandissimo talento l’ho affrontato quando giocava nel Monaco e già si capiva che avrebbe fatto grandi cose. È già campione del mondo, ed è destinato a fare la differenza a lungo”.

Matuidi: “Gli dico sempre che ha tre polmoni perché corre dappertutto, sta facendo cose incredibili. Vado molto d’accordo con lui sul campo e soprattutto fuori, è un grande giocatore, e per me è uno dei più forti che abbiamo”.