Il razzismo, la macchia nera del calcio moderno