Juventus U23 - Piacenza 0-2: al Moccagatta vince l'esperienza, buona la prova dei bianconeri

Juventus U23 – Piacenza 0-2: al Moccagatta vince l’esperienza, buona la prova dei bianconeri


Brutta debacle casalinga nel posticipo della decima giornata del girone A di Lega Pro per la Juve U23, che concede i tre punti e la vetta della classifica al Piacenza, squadra cinica e compatta che lascia il Moccagatta coi tre punti dopo una prestazione matura ed intelligente.

 

Quinta sconfitta stagionale per gli uomini di Zironelli, la seconda subita tra le mura amiche: gli spunti su cui basarsi per ripartire provengono per lo più dal discreto giro palla del primo tempo e dal voler imprimere sin dai primi minuti un’impronta ben precisa alla gara. L’avversario odierno, di gran livello per la categoria, ha assecondato il modus operandi juventino ed ha saputo colpire quando necessario per incassare una vittoria esterna pesantissima, tutta maturata nel primo tempo. La prima frazione, chiusasi con il 59% di possesso palla per i padroni di casa, testimonia l’intenzione di farla da padrona, anche se la qualità è venuta meno una volta arrivati nella trequarti avversaria. Tanti i tentativi dalla distanza, ma imprecisi. Al 12’ un regalo di Andersson manda solo in porta Di Molfetta, che a pochi passi dalla porta non può sbagliare. Il monologo continua nello stesso modo, fin quando al 39’ una ripartenza perfetta dei biancorossi permette a Sestu di raddoppiare e chiudere definitivamente i conti con ancora 45’ da giocare.

Nella seconda frazione di gioco alla lunga sono prevalse la stanchezza e la mancanza di fiducia da parte dei giovani bianconeri, apparsi disuniti dopo i primi errori: aspetto che può essere migliorato solo con l’esperienza e la coesione di gruppo. Gli ospiti hanno retto bene gli assalti bianconeri, rendendosi ancora pericolosi in fase di ripartenza con Romero. Novanta minuti che hanno dimostrato la differenza tra una squadra ancora acerba come la Juve U23 ed una invece più pronta per la serie come il Piacenza, seria candidata per il salto di categoria a fine stagione; nonostante ciò non è tutto da buttare per i giovani bianconeri, autori di una prova discreta condita da statistiche importanti e che possono guardare al prossimo match contro l’Albissola con un filo di positività nonostante il risultato odierno.

A cura di Federico Brollo