Khedira, il centro di gravità permanente di Allegri