Caldara-Bonucci: l'agnello sacrificale e il figliol prodigo