Napoli, periferia del calcio?