Juve, puoi goderti un Bernardeschi 2.0: l'arte del prendersi le responsabilità