Nello sconforto generale c'è una luce: vincere a Londra non è impossibile