Emre Can: corsa, intelligenza e costanza alla corte di Allegri

Emre Can: un camaleonte per Allegri


Emre Can è sempre più vicino a vestire la maglia bianconera. Il tedesco, infatti, ha rifiutato nuovamente il prolungamento del contratto offerto dalla dirigenza dei Reds ed è pronto a cambiare aria. Torino potrebbe essere il luogo dell’esplosione definitiva del talento classe 1994. Allegri, come tanti altri allenatori in Europa, stravede per lui ed è pronto ad accoglierlo a braccia aperte.

La storia di Emre Can

A 23 anni Emre Can ha collezionato 33 presenze in Bundesliga e 102 in Premier League. Non è un caso. Il centrocampista cresce nelle giovanili del Bayern, ma la dirigenza dei bavaresi non pensa abbia troppi margini di miglioramento e lo “regala” ai rivali del Leverkusen. Lì, nonostante la concorrenza di professionisti più esperti, sigla tre gol e riesce a trovare lo spazio che merita. La sua prima fantastica stagione non poteva passare inosservata e, come previsto, il Liverpool brucia tutti sul tempo.

Non è per nulla facile adattarsi a un calcio completamente diverso come quello inglese, eppure Can colleziona 40 presenze in tutte le competizioni al suo primo anno. In poco tempo diventa il jolly di Jürgen Klopp e si guadagna gli applausi della Kop.

Il ruolo del tedesco

La fama di Emre Can è dovuta al fatto che lo si può trovare in ogni zona del campo. Nasce mediano, ma nella sua breve carriera ha ricoperto più ruoli del centrocampo e della difesa. In situazioni di emergenza è stato impiegato anche come centrale nella difesa a tre, il che ricorda molto Bonucci alla Juve. Nonostante la posizione in campo sia lontana dalla porta avversaria, il tedesco ha il vizietto del gol. Memorabile e conosciutissima è la rovesciata che ha portato in vantaggio il Liverpool sul campo del Watford, nella scorsa Premier League. La sua duttilità gli permette di adattarsi al meglio ovunque venga schierato e di avere moltissimi estimatori.

Rinforzo utile e conveniente

La Juventus non ha mai nascosto l’interesse per Emre Can. I contatti ci sono da tempo e Allegri non vede l’ora di avere il suo Jolly in rosa. Khedira potrebbe salutare a fine stagione, Marchisio non offre sempre un contributo eccellente a causa degli infortuni e Bentancur appare ancora troppo inesperto per le responsabilità a cui è chiamato.

Can, dunque, garantirebbe un perfetto ricambio a centrocampo, in attesa di entrare al meglio negli schemi e conquistarsi la maglia da titolare. Non sembrano esserci difetti in quest’operazione di mercato, la quale farebbe contento davvero tutto l’entourage bianconero.