"Professor Barzagli", o sulla capacità di fermare il tempo