Rincon: "Juve, è stata una bella esperienza ma adesso voglio batterti"

Rincon: “Juve, è stata una bella esperienza ma adesso voglio batterti”


Dopo tre presenze con la maglia granata, dopo aver strappato tanti palloni agli avversari ed applausi ai tifosi, per il General Rincon è arrivato il momento di presentarsi al mondo Toro.

RINCON SI PRESENTA AL TORINO

Ecco le sue parole nella consueta conferenza stampa di presentazione. “Questa è una nuova sfida e sento di aver fatto la scelta giusta, sono carico per questa nuova avventura. A Benevento abbiamo portato tre punti a casa e siamo molto soddisfatti: dobbiamo ancora crescere, purtroppo gli infortuni possono penalizzarci. Peccato per Obi e Acquah, ma ci sono sia Baselli, sia Gustafson: siamo pronti per affrontare questa stagione“.

Sette punti in tre partite: il Toro tiene il passo delle grandi. Ma siamo ancora all’inizio. Intanto il General si gode l’affetto dei nuovi tifosi. “Mi ha colpito il calore dei tifosi del Toro. Ho trovato una squadra molto seria e organizzata, con un presidente che ha fatto uno sforzo importante per allestire una squadra competitiva. Siamo ambiziosi perché siamo un bel gruppo, ma dobbiamo rimanere concentrati per capire se saremo davvero da Europa“.

UNO SGUARDO AL PASSATO: DAL BIANCONERO AL GRANATA

Tra due settimane Rincon tornerà nell’altra sponda di Torino, in quello stadio che è stato casa sua anche se solo per pochi mesi. “Alla Juventus ho vissuti dei mesi intensi. Mi sono goduto quell’esperienza, ma ora sono qui e penso solo al Toro. Affronteremo il derby con furore: l’anno scorso abbiamo visto che la squadra di Mihajlovic è tosta. E stavano pure per batterci allo Stadium. Ora, vogliamo riuscirci: speriamo sia arrivato il momento giusto”.

Torino contro Juventus è però anche Belotti contro Higuain. Due bomber a confronto: “Gonzalo segna tanto da sempre. Il Gallo potrà raggiungere il Pipita, e noi dobbiamo godercelo e sperare che possa lottare per il titolo di capocannoniere. Ma nel Toro, oltre Belotti, ci sono tanti altri ottimi giocatori come Niang. In tanti eravamo insieme al Genoa, possiamo dare tanto per questa squadra”.