Champions, al vertice i bilanci più forti: l'analisi delle migliori otto squadre d'Europa

Champions, al vertice i bilanci più forti: l’analisi delle migliori otto squadre d’Europa

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Le squadre di calcio più forti d’Europa sono anche le più profittevoli in termini di bilancio. Sommando i risultati netti degli ultimi tre bilanci, il Real Madrid ha realizzato 110,8 milioni di euro di utili netti aggregati, il Barcellona 85 milioni, il Bayern Monaco 73,4 milioni. È una delle novità messe in evidenza da uno studio di Kpmg Football Benchmark, che analizza i conti degli otto club che da stasera si affrontano nei quarti di finale della Champions League. Ecco quanto riportato da “Il Sole 24 Ore”.

RICAVI E BILANCIO TRIENNALE

Le tre grandi guidano la graduatoria sia per i ricavi operativi, escluse cioè le plusvalenze da calciomercato, sia per gli stipendi pagati a tutto il personale, sia per l’«enterprise value». La Juventus è quarta per ricavi (341 milioni), ma c’è un abisso rispetto alle prime tre: 619 milioni il Real Madrid, 616 milioni il Barcellona, 592 milioni il Bayern. La prima in assoluto in Europa è il Manchester United (689 milioni di ricavi), ma non si è qualificata per la Champions.

Il club presieduto da Andrea Agnelli è ultimo fra gli otto per risultati di bilancio degli ultimi tre anni, l’unico con «un saldo negativo trascurabile», osserva Kpmg, -320mila euro, a causa delle perdite del bilancio al 30 giugno 2014, mentre i due successivi si sono chiusi con profitto. Hanno un saldo positivo aggregato nel triennio anche Borussia Dortmund (46,9 milioni di profitti netti), Leicester City (42,7), Atletico Madrid (18,7) e Monaco (1,2), il club con il fatturato più basso, appena 77 milioni, inferiore al costo del personale, pari a 82 milioni nel bilancio al 30 giugno 2016.

COSTO DEL PERSONALE E COMPRAVENDITA DI CALCIATORI

Il Barcellona ha il costo del personale più alto per valore, 372 milioni (60,4% dei ricavi), quindi Real Madrid 307 milioni (49,6%), Bayern 260 milioni (43,9%), Juventus 221 milioni(64,8%), Borussia 140 milioni (49,1%). Il Leicester ha vinto la Premier League spendendo solo 107 milioni (61,8% dei ricavi).

Nella compravendita di calciatori negli ultimi tre anni la squadra più efficiente è stata il Borussia, con un saldo positivo derivante dal «player trading» di 28 milioni, davanti al Monaco con 2 milioni. Tutte le altre società, avendo puntato di più sul rafforzamento della rosa, hanno un saldo negativo, dai -2 milioni dell’Atletico e -22 milioni del Leicester si arriva ai -63 milioni del Barcellona, -72 milioni del Bayern, –92 milioni della Juventus e -165 milioni del Real Madrid.

FATTURATO DELLE 8 BIG

Guardando al fatturato, tra gli scontri nei quarti la differenza maggiore è tra Barcellona e Juventus, 275 milioni di euro. Ci sono quindi 275 milioni di motivi perché i catalani prevalgano. Il Borussia è in vantaggio di 208 milioni sul Monaco, l’Atletico di 56 milioni sul Leicester. Il match più equilibrato è tra Real e Bayern, solo 27 milioni di differenza a favore degli spagnoli. Non sempre però il più ricco vince: negli ottavi il piccolo Monaco è stata l’unica squadra a battere un club con ricavi più alti, il Manchester City con 524 milioni. Chissà che, per qualcuno, il miracolo non si ripeta nei quarti.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy