Cobolli Gigli difende Agnelli: “Normali i rapporti con il tifo organizzato, lì può esserci di tutto…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’ex presidente della Juventus, Giovanni Cobolli Gigli, ha commentato, ai microfoni AdnKronos, i presunti contatti tra Andrea Agnelli, attuale patron bianconero e alcuni capi ultrà, appartenenti però alla criminalità organizzata. Un fatto di cui si è venuti a conoscenza e di cui si è parlato dopo l’audizione di ieri di Giuseppe Pecoraro, Procuratore Figc, di fronte alla Commissione Antimafia. Questo il suo pensiero: “Sono fuori dalla Juventus dal 2009, ormai sono solo un semplice appassionato e non ho più rapporti con la società. E sono sicuro che non ci sia niente da sapere. Se Andrea Agnelli verrà chiamato dalla Commissione Antimafia o dalla Procura Figc andrà e si spiegherà. Tutte le società di calcio hanno rapporti con il tifo organizzato, è chiaro che tra gli ultras può esserci di tutto. Anche io quando sono stato alla guida della Juventus avevo rapporti con i Drughi, mi sembrava anche doveroso perché i tifosi sono importanti, sono il cuore di una squadra”.