Cara Juve, così non va: ricordati che le partite durano 90 minuti

Cara Juve, così non va: ricordati che le partite durano 90 minuti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La Juventus esce vincitrice nel match contro l’Atalanta valida per gli Ottavi di finale di Coppa Italia ma, a detta di tutti, ha sofferto più del previsto. Colpa di una certa supponenza nata dopo appena 60 minuti di gioco, quando la squadra si è spenta, pensando che sarebbe bastato poco per arrivare al 90esimo. E invece, l’Atalanta dei giovani ha dato una lezione ai più esperti e vincenti avversari, lezione che si potrebbe così sintetizzare: non bisogna mollare mai.

FILM GIA’ VISTO – Alla fine la Juventus è comunque riuscita a spuntarla, ma la cosa che spaventa di più è che non è la prima volta che succede in questi ultimi mesi. Spesso, infatti, Allegri ha un po’ criticato l’atteggiamento dei propri giocatori in alcuni frangenti delle partite, e l’esempio più lampante è stata la sfuriata al termine della Supercoppa in quel di Doha. Ecco perché stasera tutti i sostenitori bianconeri non si possono dire soddisfatti solo del risultato. La Juventus è una società gloriosa e chi ci gioca deve capire che in campo si combatte fino alla fine, proprio come recita il mantra bianconero. Ora Allegri avrà il difficile compito di invertire la rotta perché, si sa, l’ambiente della Vecchia Signora si surriscalda molto facilmente, e altre figure del genere (con tutto il rispetto per l’Atalanta) non si devono più vedere.

SENATOR BARZAGLI – A confermare la rabbia per un atteggiamento troppo pomposo ci ha pensato uno dei leader indiscussi dello spogliatoio juventino, Andrea Barzagli, il quale ha sottolineato come non appena la squadra molla anche solo un centimetro si rischia la figuraccia. Barzagli non ha fatto nomi, ha parlato di squadra in generale, ma siamo sicuri che chi ha anche solo un po’ la coscienza sporca degli 11 in campo negli ultimi 20/25 minuti dovrà dimostrare a se stesso e a tutti i compagni di essere un giocatore da Juve. Perché chi gioca nella Juventus deve avere sì la tecnica e la qualità giuste, ma anche tanti, tanti attributi.

Simone Calabrese

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy