Juve e Napoli, un ottobre di fuoco che si conclude con il big match di sabato 29

Juve e Napoli, un ottobre di fuoco che si conclude con il big match di sabato 29


Questo inizio di ottobre è stato molto freddo dal punto di vista meteorologico, ma potrebbe scaldarsi in pochi giorni. In questo caso, non stiamo parlando di clima, bensì di un caldo provocato dai tanti impegni che le squadre dei campionati di tutta Europa dovranno affrontare. Così tante sfide che questo mese è stato già soprannominato “ottobre di fuoco”. In questo articolo vorremmo, in particolare, visionare le situazioni delle due squadre favorite per la vittoria del campionato di Seri A, Juventus e Napoli.

juventus-napoli-probabili-formazioni

4 GARE IN 10 GIORNI – Si riparte sabato 15, con entrambe le squadre impegnate negli anticipi dell’ottava giornata. Il Napoli ha, sicuramente, la sfida più complicata (giocherà in casa contro la Roma) e avrà anche lo svantaggio di giocare prima degli eterni rivali, la Juventus. I bianconeri, impegnati alle 20.45 contro la nuova Udinese di Delneri, potrebbe, vincendo (e sperando in uno stop dei partenopei), iniziare già un principio di fuga. Dopo queste partite, comunque, non ci sarà tempo di riposarsi: i due club, infatti, saranno impegnate nella terza giornata dei gironi di Champions. Juventus di scena martedì 18 a Lione, Napoli in campo mercoledì 19 al San Paolo contro il Besiktas. Basta così? Macché! Il weekend dopo la Juventus dovrà sfidare il Milan nel big match di San Siro, mentre il Napoli dovrà vedersela contro il Crotone. Per non farsi mancare nulla, altro giro e altra corsa in Champions, contro le stesse squadre di prima, ma a campi invertiti. E poi, finalmente…

BIG MATCH SCUDETTO? – Finalmente Juventus e Napoli si sfideranno sullo stesso campo, quello dello Juventus Stadium, nella gara che potrebbe già essere considerata decisiva per la vittoria finale.

Ovviamente, è ancora troppo presto per pensare alla sfida del 29 ottobre, anche perché prima ci sono partite altrettanto fondamentali per la stagione delle due squadre. E, allora, che l'”ottobre di fuoco” abbia inizio.

Simone Calabrese