Il bilancio conferma: la Juve cresce ancora. Ottimo lavoro, ma si può fare di più

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Il progetto di bilancio della Juventus, approvato ieri dal CdA, certifica la crescita della società bianconera: fatturato da record e secondo utile consecutivo. Un risultato importante, che conferma – e, addirittura, supera – le previsioni degli ultimi mesi.

Bayern Monaco nel mirino

I ricavi, ormai, sfiorano i quattrocento milioni: 387.9, per la precisione. Siamo ancora lontani dai 523 milioni del Bayern Monaco, registrati al 30 giugno 2015. E sarebbe poco utile prendere in considerazione società come Barcellona e Real Madrid, per le tante differenze tra la Juventus e queste ultime. Il modello, come dichiarato varie volte dalla dirigenza, restano i bavaresi.

La filosofia del Bayern Monaco, infatti, prevede l’auto-finanziamento: una strada opposta a quella delle inglesi e delle spagnole. I tedeschi hanno puntato, prima di tutto e tutti, all’azzeramento dei debiti e su forme di guadagno innovative: meno dipendenza dalla tv, più diversificazione. Una via non facile, ma da prendere per arrivare nell’élite, senza spese pazze.

Lotta contro i limiti

Nonostante i limiti strutturali, la Juventus sta tentando di seguire quell’esempio. È anche per questo motivo che Andrea Agnelli si è battuto per la riforma della Champions League: l’Italia tornerà ad avere quattro posti. E sono evidenti i benefici, sia economici che sportivi: più introiti, più competività. Elementi che, senza dubbio, aiuteranno anche i bianconeri a innalzare il proprio status. Un sistema forte aiuta, perché garantisce maggiore visibilità.

Pogba l'ultima, grande plusvalenza bianconera
Pogba l’ultima, grande plusvalenza bianconera

Certo: i risultati sportivi incidono per larga parte sui risultati economici da record. Senza i cinuque campionati vinti di fila e, soprattutto, la finale di Champions sarebbe stato difficile arrivare così presto a questi livelli. Invece, a differenze di tante altre, la Juventus ha saputo coniugare le esigenze di bilancio alle scelte tecniche: sempre ponderate al meglio, spesso giuste. Vanno lette in questo senso, per esempio, le plusvalenze di Arturo Vidal – che incide sull’ultimo bilancio – e Paul Pogba – che, invece, inciderà sul prossimo.

Espansionismo bianconero

Le scelte giuste, però, si sono estese anche sul reparto commericale: vedi il nuovo accordo con Adidas e il duro lavoro per espandere il brand Juventus. Ultimo passo in questo senso è l’accordo con Iba, l’International Bank of Azerbaijan, l’ennesimo tassello dell’espansione bianconera verso Oriente.

Una politica che necessiterebbe del supporto federale, come avviene in Inghilterra, ma si sa come funziona: in Italia prevalgono altre considerazioni. Andrea Agnelli, invece, forte del suo background manageriale britannico, guarda oltre e, insieme al suo staff, sta proiettando la società nel futuro.

È da sottolineare anche quanto e come sta funzionando la gestione in proprio del merchandising. A differenza di tante altri club del marchio tedesco, Juventus ha deciso di rinunciare ai sei milioni garantiti da Adidas. È per questo motivo che l’accordo, firmanto nel luglio 2015, è passato dagli iniziali 29,25 milioni annui agli attuali 23,25.

Per quest’anno, infatti, la dirigenza bianconera si aspettava un fatturato di circa 15 milioni alla voce “vendita di prodotti e licenze”. Obiettivo quasi raggiunto, si potrebbe dire, dato che la Juventus ha incassato 13,5 milioni per quest’attività – grazie anche a una serie di accordi con concessionarie in giro per il mondo. Una differenza, importante, di sette milioni e mezzo, destinata a crescere in caso di grandi risultati in Europa.

Fare di più: aumentare l’utile

Ma la mentalità bianconera non permette di accontentarsi. Mai. È per questo motivo che bisognerà fare ancora meglio, negli anni. Come? Ricordiamo il modello: il Bayern Monaco. Ecco: i tedeschi, nel 2015, hanno fatturato 523 milioni di euro – come abbiamo detto. E hanno registrato un utile di 23,8 milioni: salta all’occhio la differenza tra questo dato e quello bianconero. L’utile della Juventus, infatti, è fermo a 4,1 milioni.

Lahm, capitano del Bayern: viene dal vivaio
Lahm, capitano del Bayern: viene dal vivaio

Si può parlare dei maggiori introiti dei bavaresi, del sistema diverso in cui operano e dell’assenza di debiti. Sono tutti fattori decisivi nell’ottica del bilancio annuale. C’è una via da percorrere per colmare questo gap: puntare sui giovani prodotti in casa. Lo stesso Bayern, in una rosa di livello assoluto, ha diversi talenti del vivaio: dal capitano Lahm ad Alaba, passando per Badstuber e Kimmich.

I vantaggi del cambio di rotta

Sarebbe una mossa utile sotto vari aspetti: si andrebbero ad abbattare i costi del personale tesserato, oltre ad avere vantaggi nell’ottica delle regole per le rose di Figc e Uefa. Inoltre, un blocco di giovani bianconeri sarebbe prezioso anche per mantere lo spirito del gruppo. E, aspetto da non sottovalutare, regalerebbe nuovi idoli alla tifoseria.

terza-maglia-hernanes
Hernanes, testimonial Adidas

Per esempio, Hernanes pesa a bilancio per circa 12 milioni di euro: una cifra spropositata, rapportata al suo reale utilizzo. Per fare un rapido paragone, vi basti pensare che Alex Sandro ne costa circa 11 all’anno – quota di ammortamento più ingaggio lordo.

clemenza
Luca Clemenza, talento della Primavera

Insomma: sostituire il centrocampista brasiliano con Clemenza quanto inciderebbe sulla qualità finale della rosa? Poco, se non niente. Inoltre, si darebbe modo a un talento importante di crescere in un ambiente di campioni e mettere minuti nelle gambe.

Sì, direte: servono le squadre B. È vero, non c’è dubbio: poter garantire continuità a un giovane è fondamentale. Se in un campionato vero, ancora di più: forma sia tecnicamente che caratterialmente. Ma la Juventus ha saputo più volte sopperire alle lacune sistemiche da sola, pensate allo stadio: perché non provarci, di nuovo?

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook