Sassuolo, Lirola: "Sogno la Juve, ho preferito i bianconeri a City e Barcellona"

Sassuolo, Lirola: “Sogno la Juve, ho preferito i bianconeri a City e Barcellona”


Ha le idee molto chiare, Pol Lirola, giovanissimo terzino spagnolo, classe ’97, di proprietà della Juventus e per le prossime due stagioni in prestito al Sassuolo di Di Francesco. Alla Gazzetta dello sport, racconta di come non ha avuto dubbi quando ha scelto la Juventus anche al cospetto di offerte provenienti da altre big europee: “Nel 2014 giocai la mia prima gara con l’Espanyol B e dopo la doccia trovai il mio procuratore col capo degli osservatori della Juve. Mi dissero che i bianconeri mi volevano, e io non ho avuto dubbi. Perché ho preferito la Juve a Manchester City e Barcellona? Amo il calcio italiano, il campionato è il più completo e formativo. Ho pensato che la Juve fosse il posto migliore per crescere ed essere valorizzato”.

NEL SOGNO DI ALVES. Terzino moderno, bravo a difendere, ama soprattutto la fase offensiva dove lo spagnolo da il meglio di sè, gli idoli non sono di poco conto: “Sono cresciuto col mito di Lahm, ma con le dovute proporzioni mi rivedo in Dani Alves. Mi spiace non essermi allenato con lui: sono andato via prima che arrivasse”.

I CONSIGLI E DI FRANCESCOAlle Juventus il terzino ha trovato in Lichtsteiner un modello di riferimento: “Lichtsteiner mi da molti consigli su come migliorare. In Spagna c’è meno interscambio con la prima squadra, Allegri invece ci chiamava spesso per allenarci con i grandi: ogni seduta è una lezione all’università”. Anche il tecnico dei neroverdi, fin dall’inizio, ha dimostrato di tenere in forte considerazione il giovane terzino: “Appena sono arrivato Di Francesco mi ha detto ‘ non mi importa l’età, se varai l’umiltà di imparare e meriterai di giocare io ti darò una maglia”.

OBIETTIVO. Nonostante la giovane età, Lirola ha un sogno preciso: “Il mio obiettivo è farmi le ossa qui due anni per essere all’altezza. Giocare nella Juve è il sogno”.

Aristide Rendina