Isco-Götze, talenti insoddisfatti nel mirino della Juve

Isco-Götze, talenti insoddisfatti nel mirino della Juve


Il calciomercato si avvicina e le voci iniziano a circolare sempre con più frequenza. La Juve punta a rinforzarsi sulla trequarti, due nomi ritornano di moda: Isco e Götze. La società bianconera sembra pronta a puntare su due giocatori scontenti nei loro club di appartenenza.

gotzeCAPITOLO TEDESCO – Mario Götze fatica a riprendersi il Bayern Monaco dopo essere guarito da un brutto infortunio (lesione al tendine dell’adduttore sinistro) che lo ha tenuto lontano dal campo quasi quattro mesi. L’ennesima conferma è arrivata dalla sfida contro il Benfica in Champions League: il gioiellino ex Borussia Dortmund è entrato a soli 5 minuti dalla fine del match al posto di uno spento Müller. Marotta è all’inseguimento del tedesco sin dai tempi di Dortmund, il prezzo è alto come per tutti i top player: servono circa 40 milioni per portarlo via da Monaco. Il futuro dipende anche da Ancelotti, Götze vuole un ruolo di primo piano e nel caso in cui non gli venisse concesso sarebbe pronto a partire, anche perché nel 2017 scadrà il suo contratto.

CAPITOLO SPAGNOLO – Isco invece sta lentamente vedendo scivolarsi via la maglia del Real Madrid, visto che Zidane vuole maggiore equilibrio a centrocampo. Contro il Wolfsburg, lo spagnolo ancora una volta non è sceso in campo da titolare, come accaduto nel Clasico. Isco è in cima alla lista dei sogni della Juventus, la concorrenza però è più che mai agguerrita (si parla di City, United, Arsenal e Psg). Il valore del fantasista ex Málaga si aggira sui 45 milioni di euro e i bianconeri hanno già mosso i primi passi in tempi non sospetti.

OPPORTUNITÀ – La Juventus può giocare sull’amarezza del momento per mettere le mani sul tanto agognato trequartista. Isco e Götze sono due top player, con ingaggio e costo da big. Però se vuole puntare alla Champions League, la società di Agnelli deve promuovere questo tipo di investimenti in modo da regalare, finalmente, il trequartista ad Allegri.

Simone Dinoi

Loading...