Rimonta della vita e richiamo al coraggio, la Juve avanti con l’istinto

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Siamo nel vivo della stagione, nel mezzo di un netto crocevia tra qualcosa di molto buono e qualcosa di sublime. La rincorsa scudetto, costruita su un filone di quindici successi consecutivi, è già considerevole ma, seppur molto difficile da realizzare, necessaria per riequilibrare il bilancio tra aspettative e realtà, dopo un inizio thriller di campionato.

Le energie nelle ultime tre settimane, complice gli infortuni, sono calate notevolmente. Dal turno infrasettimanale col Genoa in poi, la squadra ha faticato a segnare, far gioco ed imporsi sull’avversario; uno a zero col Genoa, così come col Napoli e pareggio a reti bianche col Bologna. Solo col Frosinone si è visto un successo più netto, con Dybala a sigillare la partita sul 2-0 nel finale.

Personale ridotto e poche energie: un pessimo modo per arrivare al Bayern. Allegri per l’occasione rimaneggia la squadra reinventandola con un 4-4-2, ma Muller e Robben hanno fatto capire subito come la coperta fosse corta; a quel punto, in fondo al vaso di Pandora, ecco spuntare la speranza. La voglia, la cattiveria, l’istinto di sopravvivenza e il coraggio guidano i ragazzi ad un pareggio clamoroso, rocambolesco, che obbliga a non fare calcoli per il ritorno e giocarsela con tutto l’istinto che si ha.

L’emotività dovrà spingere il gruppo di Allegri ad ogni passo che conduce al ritorno coi tedeschi, iniziando già con l’Inter, riposata e concentrata unicamente sul derby d’Italia. Se è vero che il Bayern ha tolto tante energie, è altrettanto vero che il 2-2 ha caricato le pile emotive e nervose della squadra, trasformandola in un gruppo di selvaggi affamati.

Avanti così, di nervi, cuore.