Juve, continua il tour de force: febbraio il mese clou della stagione

Juve, continua il tour de force: febbraio il mese clou della stagione


Una stagione strana, partita male, ma continuata alla grande. Piena di alti e bassi insomma. Questa la descrizione dei primi mesi della Juventus 2015/16. Eppure la squadra di Allegri ha avuto una grande qualità: quella di riuscire a deviare quel percorso che avrebbe portato in direzioni lontane. Una sterzata, forte e decisa, in grado di donare quella grinta che sembrava essere sparita nelle prime gare della stagione.

GENNAIO D’ORO – Sì perchè i bianconeri sono tornati ai loro livelli e già da un po’. 11 vittorie consecutive in campionato, la semifinale conquistata in Coppa Italia e gli ottavi di Champions League, niente male. Ma è la scalata in campionato a far appassionare i tifosi che sono tornati a sognare. E gennaio non è ancora finito, dopo le vittorie su Verona, Sampdoria e Udinese, è arrivata quella sulla Roma di domenica allo Stadium. Una bella iniezione di fiducia per la Juventus intenta a continuare in questa direzione per conquistare quei punti che le permetteranno di riconquistare il primo posto in classifica. Due per la precisione e Napoli permettendo.

FEBBRAIO IL MESE CLOU – E pensare che la salita più faticosa deve ancora arrivare: sarà febbraio infatti il mese clou della stagione. Si parte il 3 allo Stadium contro il Genoa di Gasperini affamato di vittorie. Pochi giorni dopo si va in trasferta a Frosinone e il 13 la gara fondamentale per il campionato: Juventus-Napoli. Vincere sarà più che d’obbligo per ribaltare la classifica e ultimare la rimonta. Il 19 c’è il Bologna allo Stadium e il 23 altra gara che vale una stagione: l’andata degli ottavi contro il Bayern, allo Stadium perchè mai partire battuti prima di scendere in campo. E non è ancora finita, perchè per chiudere il mese in bellezza il 28 ci sarà di nuovo l’Inter da battere allo Stadium. Un vero e proprio tour de force insomma che porterà con sè sentenze inequivocabili. Vincerle tutte? Quello è l’obiettivo di Allegri e della squadra, ne siamo certi.

Moira Marchetti