Hernanes, prove di regista. Potrebbe diventare una buona alternativa

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Dopo un inizio non scoppiettante (per usare un eufemismo), Hernanes tornava a giocare da titolare con la maglia di Juventus in quel di Marassi. Una partita difficile, in cui mancava un pilastro del centrocampo bianconero come Marchisio, e i tifosi già rimpiangevano il Principino, credendo in un’altra prestazione da dimenticare del Profeta.

E INVECE…- Hernanes ha giocato una discreta partita da mediano davanti alla difesa, al cospetto di chi non credeva in lui. Sia chiaro: il brasiliano non ha disputato la partita perfetta o un match da otto in pagella, ma ha fatto il suo compitino senza importanti sbavature. Tanta corsa e grinta in mezzo al campo, qualche imprecisione ma perdonabile. Se riesce a trovare una lucidità mentale per tutti i 90′, può essere un’alternativa importante nello scacchiere di Allegri.

QUANTITÀ E QUALITÀ – 4 i dribbling riusciti e 6 le palle recuperate (con 3 perse), con l’83% di passaggi riusciti. Sono questi i dati molto incoraggianti del Profeta, che ieri si è reso protagonista di un lavoro non solo oltre la metà campo, ma anche di un grande pressing e di una buona capacità di portar via il pallone all’avversario. I compagni spesso lo cercavano e, diversamente da altre partite, cercava di farsi trovare sempre libero, senza nascondersi dietro altri. E se Morata non avesse sbagliato l’impossibile davanti a Viviano, avrebbe messo a referto anche un fantastico assist.

Non siamo di fronti a un Marchisio bis, o almeno non ancora, ma per ora i tifosi juventini si possono accontentare. Se Hernanes è quello di Marassi, è sicuramente ancora molto migliorabile, ma è anche un calciatore su cui si può fare affidamento.

Luigi Fontana (@luigifontana24)

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook