Juve-Torino, le pagelle dei bianconeri: talento e carattere, quanto è bella la Signora!

banner_pagelle_SJ
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Dopo sessant’anni, la Juventus supera il Torino in una fase finale di Coppa Italia. Quattro reti, quattro perle, quattro messaggi agli avversari: la Vecchia Signora sta bene. E vuole riprendersi quanto le spetta…

Ecco le pagelle!

NETO s.v. – Un solo spavento, poi Gallo e gallina tornano nel pollaio. E passa indenne una notte che, in ogni caso, ha significato tanto per lui.

RUGANI 6.5 – Bravo, attento, pulito. Non c’è nulla da dire. Forse solo una cosa da chiedersi: come può un giocatore del genere arrivare alla prima presenza da titolare il sedici dicembre? Lo spiega, in parte, il ruolo ricoperto: ma che sfiga avere Barzagli davanti…

BONUCCI 6.5 – Bene in chiusura, top player nel chiedere spiegazioni all’arbitro. Maxi Lopez fa l’albero, lui l’addobba.

CHIELLINI 6.5 – S’avventa in avanti come se non ci fosse un domani. E poi ritorna, ricuce, e ripiomba a supporto di Alex Sandro sullo scatenato – fino ad un certo punto – Bruno Peres.

LICHTSTEINER 6 – Chilometri su chilometri: collegasse pure qualche buon cross, s’aprirebbero scenari meravigliosamente inaspettati. Ma va bene anche così…

KHEDIRA 6 – Solido e quadrato. La forma è quella che è, il carisma pure. A mezzo servizio resta più utile di tanti falsi comprimari.
PADOIN s.v. – Dà manforte, ma non c’era nulla da fare.

MARCHISIO 6.5 – Match dopo match, ecco che aumentano fiducia e consapevolezza. Per carità: lì sarà pure adattato, ma questa nuova veste non è che crei grossissimi rimpianti di mercato…

POGBA 6.5 – È da un po’ che i preziosismi non abitano più dalle sue parti. E allora la concretezza finisce per unirsi al talento, immenso. C’è tanto di Pogba in questa Juve: passata dal volto lezioso a quello operaio. E finalmente ritrovatasi sul più bello, e sul suo dieci.
HERNANES s.v. – Pochi minuti, terreno saggiato.

ALEX SANDRO 6.5 – Fa il terzo d’attacco, poi il quarto di difesa, infine il quinto di centrocampo. E pensare che qualcuno continua a ritenerlo “tatticamente acerbo”…

ZAZA 7.5 – Ogni giorno inventano storie sul suo addio, ogni settimana finisce ai margini della rosa, e ogni occasione è buona per urlare il suo malumore. Ecco: fortuna che parla il campo alla fine. Doppietta strepitosa, qualitativamente e quantitativamente. Poi la voglia, la fame, la grinta. Poi Simone: genuino come pochi, pronto come nessuno.
DYBALA 7 – Entra, fa giocate da campione e poi chiosa con un mancino clamorosamente impeccabile. Dai, qui siamo davanti ad una forma di calcio purissima.

MORATA 7 – Finalmente un sorriso. E per poco non arriva anche il gol. Il mondo Juve aveva bisogno di una risposta, specialmente dopo il rinnovo: eccola trovata nella stupenda partita – pure di sacrificio – di Alvaro. Forte e talentuoso. Oggi in versione assistman, in futuro anche da bomber vero.

ALLEGRI 7 – Questa Juve non si ferma più, pure con le “seconde linee”. Ha in mano un bolide dal talento pazzesco: finalmente ha saputo piazzare il motore giusto, con l’assetto migliore. La controllatina ai freni, ogni tanto, diventa obbligatoria…

Cristiano Corbo