Trapattoni: “E’ tornata la Juve di Max. A Torino gli anni più belli della mia vita”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Quel suo famoso “Non dire gatto se non l’hai nel sacco” tradotto in un inglese piuttosto discutibile fece storia, e va detto che anche lui lo ricorda con una certa autoironia. Non è un caso, dunque, che Giovanni Trapattoni abbia intitolato la sua autobiografia proprio “Non dire gatto”: presentata ieri con una certa emozione a Torino, lo storico allenatore bianconero è stato intervistato dai colleghi di La Stampa.

ANNI D’ORO“A Torino mi sento a casa, qui ho vissuto i momenti più belli della mia vita. Ero un allenatore sconosciuto e sono arrivato in cima al mondo grazie a Boniperti. La coppa Intercontinentale è stato il successo più bello, perché incoronò la Juve a livello mondiale dopo aver vinto tutto. Anche se a quella partita ci arrivammo poco dopo l’Heysel: faccio fatica a pensare di aver vissuto la parte più bella e quella più brutta della mia carriera a distanza di pochi mesi. La Juve mi ha dato tutto: non solo la gloria, qui ho ricevuto anche l’imprimatur per andare ovunque con la giusta forza”.

ALLEGRI“Usa la testa e si vedeva già da giocatore: l’ho allenato per pochi mesi. Sono felice per quello che sta facendo alla Juve, vincere tutto in Italia e arrivare in finale di Champions al primo tentativo non è da tutti”.

NON DIRE GATTO…“Chi pensa che la Juve sia fuori dalla lotta scudetto è fuori strada: il gatto non è nel sacco. Lo vedo nell’atteggiamento dei giocatori, Allegri è bravo ed intelligente. In Serie A c’è sempre più un’ostilità conflittuale per la Juve: le difficoltà non sono solo gli avversari, ma anche gli ambienti. I bianconeri hanno un DNA preciso e solido, competeranno fino alla fine. L’arma in più potrebbe essere Morata e il suo fiuto del gol”.

PLATINI“Platini radiato? Seguo la situazione e mi auguro che non accada mai. Spero si possa fare chiarezza e che lui possa occupare quel ruolo di numero uno al mondo che ha già occupato da calciatore”.