Ancelotti: “Serie A incerta e affascinante. Pirlo tornerà in Italia…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Da Vancouver, Canada, Carlo Ancelotti si gode il suo anno sabbatico. Il tecnico emiliano però è molto richiesto e verosimilmente potrebbe tornare ad allenare dalla prossima stagione, magari in Premier o in Bundes. Nel frattempo ha rilasciato stamane un’intervista a “Il Giornale”, in cui ha parlato del campionato nostrano, ma non solo. Ecco quanto evidenziato da SpazioJ.it:

INCERTEZZA – “Rispetto agli anni scorsi c’è più incertezza che rende il tutto affascinante. Fiorentina e Napoli sono le squadre che giocano meglio di tutte: entrambi i tecnici stanno superando a pieni voti i rispettivi esami. Di Sousa non sono stupito anche perché l’ho incontrato lo scorso anno in Champions quando allenava il Basilea e mi ha destato un’ottima impressione. Sarri ha il merito di esser riuscito ad applicare le sue idee di calcio dall’Empoli ad una rosa con maggiore qualità”.

MILANESI – “Non è questione di giocar bene o male, Mancini sta tirando il meglio dal gruppo da lui costruito e gliene dobbiamo dare atto. Se in estate arrivano due difensori centrali forti e Felipe Melo, è logico che non si vogliono fare i fuochi d’artificio. Al Milan ci sono stati degli alti e bassi, credo che sia normale perché è arrivato un nuovo allenatore e sono cambiati anche i giocatori ed il metodo di lavoro. Mihajlovic ha avuto buon senso nell’affidare le chiavi della porta a Donnarumma: come Buffon ha iniziato da giovanissimo, se uno è bravo non ci si può solo fermare alla carta d’identità. Diego Lopez però è forte, prima o poi si riprendere il posto in squadra: ho sentito della sua tendinopatia, ne soffriva anche ai tempi di Madrid”.

PIRLO – “Ho avuto modo di parlare con lui, e ho capito che ha una voglia matta di giocare i prossimi Europei. Secondo me tornerà di sicuro in Italia, anche perché glielo ha consigliato Conte: io gli dico di andare dove ha vinto di più…”.

NAZIONALE – “Non ci sono grandissimi talenti, ma Conte ha saputo costruire una squadra solida e competitiva: Spagna, Germania e Francia partono con i favori del pronostico, dovranno comunque fare sempre i conti con noi”.

 

Oscar Toson