Mondonico: “La Juve può fallire l’obiettivo Champions League. Derby? Ecco come finirà…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

L’ex tecnico granata, Emiliano Mondonico, ha parlato al “Corriere dello Sport” del derby tra Juventus e Torino in programma oggi allo J-Stadium. Ecco come si è espresso in seno alla stagione bianconera: “La Juventus ha cambiato tanto e forse non sarebbe impensabile che uscisse dai primi tre posti. Il cambio è generazionale e i tanti giovani dovranno ancora insediarsi e immedesimarsi nel club. Tuttavia è una grande squadra, sempre molto organizzate e temibile” spiega.

DERBY –   “Non bisogna guardare la classifica, il derby è una partita a parte. Ci sono tante motivazioni conferite dall’atmosfera, dalla città che si prepara a questo evento. Ora sono solo 3 i punti di differenza per cui il Torino non deve pensare alla distanza con la Juve, ma alle squadre che ha davanti in classifica. La Juve, invece, dovrà presto risalire e vorrà mettere tutto in campo per i tre punti nonostante in settimana ci sia la Champions League” afferma.

UOMINI DERBY –  Prosegue dicendo chi potrebbe essere  l’uomo derby: sceglie da una parte Glik e dall’altra Bonucci. “Entrambi sono  leader, due trascinatori che caricano la squadra. Come lo è anche Chiellini, una perdita importante per la Juventus. E poi, non ci scordiamo che possono essere anche pericolosi in zona gol sui calci piazzati. Occhio a Quagliarella che torna allo Stadium da ex; Morata per la Juventus, è al momento l’uomo più in forma“.

ESITO FINALE –  L’ex tecnico di Napoli e Fiorentina, tra le altre, si è sbilanciato facendo un pronostico sul match pomeridiano: “Sarà  pareggio con tante reti, magari 3-3. In Serie A sto vedendo sempre tanti gol” conclude.

Simone Di Sano