Il Gladbach concede molti rigori: la parola d'ordine è puntare l'uomo

Il Gladbach concede molti rigori: la parola d’ordine è puntare l’uomo


Per gli uomini di Allegri la parola d’ordine contro i tedeschi del Borussia Mönchengladbach sarà quella di attaccare. Attaccare e puntare l’uomo tentando il dribbling in area di rigore. E, forse, sarà persino uno dei pochi casi in cui “tirare da fuori” probabilmente non risulterà essere una frase particolarmente ben accetta.

Il perchè è semplice, dati alla mano. Il Gladbach concede calci di rigore a chiunque, o perlomeno è questo che viene evidenziato dall’avvio di stagione dei teutonici, sia in campionato che in Europa. Anzi, come riporta anche Tuttosport, in Bundesliga la squadra di Schubert ha concesso dieci tiri dal dischetto su dodici partite. Un’enormità. Ma, se pensiamo che in Champions League fin’ora è andata pure peggio in virtù dei quattro penalty fischiati contro (ben tre calciati dal Siviglia ed uno dal Machester City), allora appare naturale puntare tutto sui dribbling in area di rigore. Magari le ubriacanti finte ed il gioco di gambe di gente come Cuadrado o Morata potrebbe rivelarsi un miscuglio decisivo per la concessione di un tiro dal dischetto.

Allegri cura molto l’allenamento dei calci da fermo e gli specialisti dagli undici metri bianconeri sono avvisati: mai come in questa partita servirà freddezza e convinzione dal dischetto. Il pericolo per i tedeschi è più che mai incombente, l’opportunità per i bianconeri poche volte più ghiotta di cosi.

Rocco Crea (@Rocco_Crea)