Inter-Juve, l’analisi della difesa – Barzagli è un muro, la “vecchia guardia” è il punto di partenza

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Ci si aspettava un risultato diverso dal match di San Siro, ma il pareggio non preclude la possibilità ai bianconeri di continuare a nutrire sogni Scudetto. L’aggancio al blocco di testa, possibile solo con una vittoria alla Scala del calcio, non è mancato certamente per colpa del reparto difensivo autore, nel complesso, di una prestazione sicura e confortante.

TENDENZA INVERTITA – Sì, perché nonostante i numeri delle prime sette giornate dicano altro, la vecchia guardia è una certezza per Max Allegri. Un minimo di concentrazione in più, d’obbligo in un match delicato come il Derby d’Italia, e la Juventus conclude, come abitudine degli scorsi anni, imbattuta l’incontro. La poca vena offensiva degli uomini di Mancini e la fortuna (si legga traversa di Brozovic) hanno evitato il ripetersi di una situazione ormai consona, ovvero il gol subito al primo, e spesso unico, tiro in porta avversario.

SUPER BARZAGLI – Superfluo, quasi inutile sprecare elogi per Andrea Barzagli, fiore all’occhiello di una linea difensiva ormai consolidata a 4 uomini con il toscano bravo a proporsi come elastico tra la coppia Bonucci-Chiellini e l’esterno offensivo Cuadrado. Il colombiano ha trovato spesso soccorso nelle discese del numero 15 al quale spesso si è appoggiato a buon diritto. Ciò che ha più sorpreso, e la parola “sorpreso” è un’esagerazione per chi conosce il difensore bianconero, è che Barzagli non ha fatto passare nessun filtro d’area dalle sue parti. Interventi puliti, mai un rischio, e ogni singola azione nerazzurra bloccata sul nascere.

VECCHIA GUARDIA – Quello che è mancato è stato l’apporto offensivo di Evra che ha contenuto bene le azioni avversarie, ma che ha supportato poco Pogba e Morata sulla fascia sinistra. Chiellini il solito guerriero a lottare con un Icardi spento dalla gabbia bianconera. Bonucci, invece, attento sui palloni alti e sulle chiusure in area di rigore, ma troppo esuberante in alcune azioni con giocate d’impostazione pericolose che hanno provocato qualche tensione ad un Buffon, poco operoso, ma sempre attento. A proposito di Superman, impercettibile ma determinante il suo tocco sul tiro di Brozovic poi stampatosi sulla traversa. Assolutamente nulla di imperdonabile, invece, per il 19 viterbese.

La difesa è il reparto da cui ricostruire la stagione bianconera e le premesse, in una delle partite più complicate della stagione, sono più che positive.