Inter-Juve, l’analisi tattica: la prima dei ‘fantastic 3’, c’è ancora da lavorare

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Una partita intensa, maschia, ma al tempo stesso godibile. Finisce zero a zero il derby d’Italia, inizialmente molto nerovoso e dai ritmi alti. Un legno per parte – Brozovic per l’Inter, Khedira per la Juve – e le due squadre si dividono il bottino. Torna finalmente il centrocampo titolare per i bianconeri, mentre Mancini sorprende con qualche scelta iniziale inaspettata.

L’Inter si schiera con un 4-3-1-2, che però è solo sulla carta. Jovetic, infatti, agisce molto di più sulla trequarti, insieme a Perisic: il croato, dal suo canto, si allarga molto sulle fasce, trovando più spazio sulla sinistra; a destra, infatti, un Barzagli sensazionale gli rende la vita difficile. Allegri, invece, ripropone il modulo ibrido delle ultime uscite: detto di Barzagli, fenomenale, è da sottolineare anche la prova di Zaza, sempre aggressivo e pronto a rincorrere l’avversario.

Khedira, Marchisio e Pogba – che gradualmente è entrato in partita – cercano con insistenza la verticalizzazione, cercando spesso proprio Zaza, che si propone e si fa vedere con frequenza. Il tedesco, in particolar modo, crea occasioni pericolose, ma l’attaccante italiano non è sempre bravo a sfruttarle. Il terzetto è bravo anche a innescare Cuadrado, che quando riesce a trovare spazio, particolarmente all’inizio, mette in affanno gli avversari.

Nel primo tempo, l’Inter cerca di fare la partita, mantendo il possesso e pressando alto, costringendo i bianconeri ad aspettare e ripartire, ma nella seconda frazione la Juve si fa vedere maggiormente e i nerazzurri gli lasciano più campo. In ogni caso, specialmente in mediana, i bianconeri possono fare di meglio. Le attenuanti ci sono: nazionali, condizioni fisiche non perfette, affiatamento da trovare. Da loro tre, però, si può ripartire: obiettivo risalire.

Felice Lanzaro (@FeliceLanzaro)

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook